Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
X-raid sviluppa il prototipo YXZ1000R per il Dakar Rally

X-raid, uno dei team di Rally Raid di maggior successo che dal 2002 vanta cinque vittorie in Dakar, oltre a numerose altre vittorie ottenute nei vari Cross Country Rally di tutto il mondo, parteciperà alla classe T3 veicoli leggeri alla Dakar del 2021, con un prototipo basato sulla macchina YXZ1000R Side-by-Side e con il supporto di Yamaha Motor Europe, X-raid ne schiererà due sotto lo stendardo X-raid Yamaha Racing Rally Supported Team, uno sarà guidato dalla famosa Camelia Liparoti, sei volte campionessa del mondo "Ladies Quad" oltre che protagonista al finish per ben 10 volte, che, insieme ad Annett Fischer, formerà l'unico team tutto al femminile per il secondo anno consecutivo, nel secondo prototipo ci sarà il due volte campione DTM Mattias Ekstrom, con il compagno svedese Emil Bergkvist come copilota, per Ekstrom sarà il suo battesimo sulle dune. L'avventura del prototipo YXZ1000R inizierà sul più grande palcoscenico delle corse Side-by-Side, ma è anche il primo passo nell'obiettivo condiviso da X-raid e Yamaha di portare lo sport motoristico SxS nelle regioni più incontaminate del mondo.

 

 

Il prototipo:

Attualmente, il prototipo YXZ1000R è nella fase iniziale di sviluppo e sarà presente nella Baja Hail 2 in Arabia Saudita per i primi test. E' più largo dell'originale, con un passo più lungo e ribassato per una migliore stabilità, ha un nuovo telaio tubolare studiato per una maggiore resistenza rispettando le normative FIA mantenendone il design ricreato con materiali leggeri come alluminio e fibra di carbonio.
La trasmissione e il motore a tre cilindri in linea DOHC da 998 cc rimangono sostanzialmente invariati, ad eccezione di varie parti GYTR (Genuine Yamaha Technology Racing) per migliorare ulteriormente le prestazioni e un albero di trasmissione posteriore rinforzato per resistere alle situazioni più estreme. La facilità di manutenzione del motore e del cambio è stata migliorata dall'uso di vari telai secondari, fondamentali nei rally a lunga distanza dove occorre essere autosufficienti. Per affrontare il terreno accidentato, X-raid ha esteso e rinforzato i bracci delle sospensioni anteriori e posteriori, consentendo di spostare gli ammortizzatori verso l'esterno favorendo una maggiore stabilità, inoltre è stato potenziato l'impianto frenante.


"Seguo da alcuni anni lo sviluppo del mercato SxS" afferma Sven Quandt, fondatore e CEO di X-raid, "sono stato coinvolto nella creazione dei regolamenti e abbiamo valutato diversi scenari per vedere come X-raid potesse entrare in questo segmento molto interessante. Per noi, la nuova partnership con Yamaha è un approccio professionale da cui possono trarre vantaggio non solo entrambe le società, ma anche molti piloti. Crediamo che questa classe giocherà un ruolo importante nel futuro delle gare di cross-country, sia per i nuovi arrivati ​e sia per i professionisti".

Eric de Seynes: Presidente e CEO di Yamaha Motor Europe si dice convinto delle qualità del YXZ1000R e ancor più della classe SSV che sta attirando una nuova generazione di piloti e supportando il futuro della disciplina del cross-country rally e degli sport motoristici in generale.

 

NEWS Yamaha Racing

Partner EventiMoto